Minerva Pictures è lieta di presentare le ultime uscite in homevideo.

Prima fra tutti Just like a Woman, il road movie al femminile con Sienna Miller e Golshifteh Farahani, una coproduzione italo-francese di Minerva per la regia di Rachid Bouchareb.

Da Chicago a Santa Fe, il regista franco-algerino ci trascina in un road movie sensibile, condotto dalla grazia di due attrici solari. Sienna Miller e Golshifteh Farahani interpretano due donne della periferia di Chicago dalle personalità molto diverse, le cui storie saranno però destinate ad incrociarsi. La prima è Marylin, centralinista insoddisfatta e sposata con Harvey, un parassita nullafacente e criminale. La seconda invece è Mona, una donna musulmana che ha sposato l'uomo che ama (ma dal quale non riesce ad avere figli) e che lavora nell’alimentari di famiglia, costantemente oppressa dalla suocera. Quando Marylin scopre che il marito la tradisce, si licenzia dall’oggi al domani e molla tutto per realizzare il suo sogno: partecipare a un popolare concorso di danza del ventre che si tiene a Santa Fe. Presto la sua strada incontrerà quella di Mona, anch’essa fortemente decisa a fuggire dalla sua famiglia. Le due giovani donne percorrono l’America senza voltarsi, con leggerezza, al ritmo delle prove di ballo e degli spettacoli di danza, fino al giorno in cui Marylin scopre che Mona è ricercata dalla polizia…

Altra importante uscita internazionale è poi Shaolin, il nuovo action movie con Jackie Chan. La Cina è immersa in conflitto, tra i signori della guerra feudali che tentano di espandere il loro potere sulle terre vicine. Alimentato dal suo successo sul campo di battaglia, il giovane e arrogante Hao Jie sogghigna alle spalle dei maestri Shaolin, dopo aver ucciso un signore della guerra rivale sul terreno del loro tempio. Ma la gloria viene prima di una caduta. La sua famiglia è stata spazzata via in un evento inaspettato e Hao è costretto a rifugiarsi da i monaci. La società è in balia dei disordini e della guerra civile, i monaci Shaolin prenderanno una posizione di fuoco nei confronti dei signori della guerra.


Escono in dvd, inoltre, due pellicole italiane fondamentali degli anni ’90: Tutti giù per terra e Ormai è fatta!. Tratto dall’omonimo romanzo di Giuseppe Culicchia e ambientato in una Torino frenetica, Tutti giù per terra è il film che lancia Valerio Mastandrea, uno degli interpreti più autentici e significativi del nostro cinema, sapientemente diretto da Davide Ferrario che, pur nell’ambito di un film narrativo, adopera un linguaggio a tratti sperimentali per raccontare le disavventure di un giovane inquieto e inadeguato rispetto alla realtà che lo circonda.

Tratto dal suo romanzo autobiografico di Horst Fantazzini, scritto e diretto da Enzo Monteleone (sceneggiatore di Mediterraneo, regista di El Alamein), Ormai è fatta! racconta ciò che accadde nell’arco di 12 rocambolesche ore il 23 luglio del 1973, quando Fantazzini tentò di evadere dal carcere di Fossano in provincia di Cuneo, ferendo tre secondini e prendendone in ostaggio altri due. Ad impersonare questo singolare personaggio è Stefano Accorsi, in una delle sue interpretazioni più riuscite. Il film è valso alla montatrice Cecilia Zanuso un David di Donatello e un Nastro d’Argento.