Eventi & News

Rassegna Stampa / la stampa dice di noi

  • Il 12 maggio 2016 uscirà nei cinema italiani Il Regno di Wuba (Zhuo yao ji, 2015), distribuito da Minerva Pictures e Microcinema.
    È in arrivo Il Regno di Wuba >> Fantasy Magazine, 26 Aprile 2016
  • Sono iniziate il 4 aprile le riprese di Falchi, il nuovo film di Toni D'Angelo, giovane e talentuoso regista che, dopo la fortunata incursione nel genere documentaristico con Filmstudio Mon Amour, Nastro d'argento Miglior Documentario 2015, torna stavolta al cinema di narrazione e lo fa raccontando una storia di violenza, crimine e riscatto.
  • Il tempo è sospeso, e dai nostri film al Lido emana un vago sentore di paganesimo e ritorno ai riti misterici, tra bellezza e orrore, nell'incontro shock tra la contemporaneità e l'arcaico, il Nord e l'anima mediterranea. Più che mai vero nel film più misterioso dell'intero concorso, Per amor vostro di Giuseppe M. Gaudino, la storia di Anna (Valeria Golino) che cerca un lavoro e un centro di gravità a Napoli dopo anni difficili tra famiglia e criminalità e trova le risposte in quel mondo sotterraneo e d'ombra, pieno di catacombe, cimiteri, ipogei che è la Napoli sommersa, sotto il cimitero delle Fontanelle, Capodimonte e il Rione Sanità, in cui t'affidi alla capuzzella, il teschio del tuo morto per riceverne consigli e aiuto. Ancora un film sotto il vulcano, con i protagonisti immersi nei fumi scenografici delle solfatare di Pozzuoli. Ha scritto Gaudino: "Per la mia protagonista il paesaggio è come un oracolo da consultare".
    Sotto il vulcano >> CIAK, 1 Settembre 2015
  • Giu­seppe M. Gau­dino è un film­ma­ker fra i più impor­tanti in Ita­lia, oggi, la cui pro­du­zione – ricca e varie­gata – ha spesso (di)mostrato capa­cità di spe­ri­men­ta­zione poco con­sone nel pano­rama del cinema ita­liano con­tem­po­ra­neo. Autore di un film-culto come Giro di lune tra terra e mare, uno dei film ita­liani più impor­tanti degli ultimi anni, torna quest’anno in con­corso al Festi­val di Vene­zia con il nuovo film: Per amor vostro.
    Per amor vostro, l’inferno dell’ignavia >> Il Manifesto, 29 Agosto 2015
  • Quando cinema e realtà si influenzano a vicenda: la mala di ieri e quella di oggi. Italian Gangsters di Renato De Maria (Orizzonti) ricostruisce, a cavallo tra finzione e documentario, le azioni di alcuni rapinatori italiani dal primo dopoguerra agli anni '60. Il film dà voce (attraverso monologhi recitati da attori) a personaggi a loro modo storici come Horst Fantazzini, il "solista del mitra" Luciano Lutring, Pietro Cavallero, Paolo Casaroli, Ezio Barbieri e Luciano De Maria, uno dei sette di via Osoppo.
  • "Italian Gangsters" di Renato De Maria sarà a Venezia per la sezione Orizzonti: sei banditi raccontati tra cinegiornali, film d'epoca, monologhi di attori. Il regista: ho scelto le biografie più solide ed eloquenti.
    Sogni a mano armata >> Il Messaggero, 29 Agosto 2015
  • Renato De Maria torna alla Mostra nella sezione Orizzonti con un docufilm sull'Italia della Banda Cavallero, di Paolo Casaroli e Luciano Lutring. Testimonianze e documenti d'epoca e citazioni del cinema di genere. Il regista: "Una generazione di ventenni che avevano combattuto la guerra partigiana e dovettero scegliere se andare in fabbrica e tornare a una vita qualunque o inseguire il sogno di una ricchezza simbolica
  • Bekas è un film sulla serietà con la quale prendiamo i nostri sogni e sul nostro modo di vivere il presente.La prima cosa da sapere prima di partire è dove ci si trova. Cosa banale – non sempre – in senso geografico ma meno evidente quando si parla di percorso umano. Zana e Dana scambiano l’America con l’Europa sulla cartina, ma sanno molto bene dove si trovano nel loro percorso interno. Voler vivere altrove è una cosa che succede quando il luogo in cui siamo non ci piace, quando ci sentiamo stranieri o comunque fuori posto, diversi. Ma questo sentimento non basta per partire. Decidere di muoversi significa decidere di non vivere da vittime, significa rinunciare a rintanarci in quelle che chiamiamo costrizioni ambientali e che invece sono costruzioni mentali. La partenza richiede forza, iniziativa, speranza, coraggio. E molta passione per noi stessi e per la nostra vita.
    Bekas. Ovvero: i superpoteri dei deboli. >> The Opinion Post, 23 Marzo 2015
  • Riprendendo ed estendendo lo spunto di un suo cortometraggio, il regista Karzan Kader con Bekas racconta il viaggio di due ragazzini curdi verso la loro versione del Sogno Americano: in un film che unisce un respiro internazionale al vigore di una pellicola di Bollywood.
    Bekas >> Quinlan, 15 Marzo 2015
  • Thanks for Sharing, ovvero il mantra dei gruppi di aiuto contro le dipendenze. Stavolta niente alcool o droga però, ma sesso e porno (come nei più visti Shame e Don Jon). Avrebbe potuto essere una commediaccia sopra le righe, invece è una dramedy romantica, sensibile, spiritosa, intelligente. Merito di Stuart Blumberg, esordiente da regista, non come sceneggiatore (è stato candidato all' Oscar per il pregevole I ragazzi stanno bene). Parla italiano perché lo ha studiato alla Yale University e ha a lungo tentato invano di applicarlo a un film sul palio di Siena in cui voleva Roberto Benigni come fantino. Ha gusti raffinati (i suoi cult: L' appartamento, Jerry Maguire, Voglia di tenerezza) e sa scegliere bene gli attori: Mark Ruffalo, Tim Robbins, Gwyneth Paltrow (nelle sue scene più sexy dai tempi di Paradiso perduto) e un comico emergente, Josh Gad. Ma la vera sorpresa è Alecia Moore, ovvero la popstar Pink che qui si mette in gioco in maniera davvero efficace.
    TENTAZIONI IRRESISTIBILI >> CIAK, 1 Settembre 2014
  • Con un titolo che si ispira al brano jazz del Dave Brubeck Quartet del 1959, che si intitola «Take Five», Guido Lombardi torna sul grande schermo (dal 2 ottobre distribuito da Microcinema) con un film di genere su una rapina in banca o meglio «uno spaghetti gangster», come ama definirlo il regista, già vincitore al Festival di Venezia del 2011 del Leone del Futuro con «Là-bas - Educazione Criminale» (sulla strage di Castel Volturno).

  • Il film che Claudia Gerini sta girando nel Salento: L’esigenza di unirmi ogni volta con te, diretto da Tonino Zangardi e interpretato anche da Marco Bocci. «Un thriller d’amore», lo definisce l’attrice. Ha il ruolo di una cassiera di supermercato che abbandona il marito per un poliziotto e con lui scappa fino a Parigi dopo aver rischiato di venire ammazzata per gelosia ed essersi difesa con il sangue. Quarantadue anni, romana, due figlie, una carriera iniziata a quattordici e una versatilità esplosiva che fa di lei una performer a 360 gradi (canta, balla, intrattiene), davanti a «un tramonto spettacolare» Claudia racconta la nuova avventura. E il suo momento felice di regina del cinema italiano: ormai non c’è cast in cui non figuri...